.
Annunci online

fenomenologia del mio cervello in movimento
la guerra (e i sogni) dei poveri
post pubblicato in Diario, il 15 marzo 2009
A new york è scoppiata una maxirissa in pieno centro, con tanto di carica della polizia, feriti, ambulanze. Protagoniste un gruppo (parecchie migliaia in realtà) di ragazze, in fila per entrare ai provini di un noto reality show americano.

Senza andare troppo lontano, sono pronta a scommettere che una cosa del genere può accadere da un momento all'altro anche in Italia.
Tutto e subito. Una volta era uno slogan glorioso, ora una filosofia di vita per chi, nella disperazione e nel vuoto sociale e culturale, le tenta tutte non tanto per cercare di sopravvivere, quanto per arricchirsi in fretta, diventare famoso e - ovvio - fare una barca di soldi con il minimo sforzo.
E da qui ecco i centri scommesse pieni di gente dalla mattina alla sera, i videopoker con la fila di gente, il superenalotto e il gratta e vinci come arma di promozione di massa, come placebo per vivere una vita meno dura con il sogno dei soldi.

Da piccola ho sognato di fare il medico, la ballerina, la giornalista, l'astronauta e il fantino. E mille altre cose. Non sognavo certo di fare un mare di soldi. Almeno non così, tanto per farli.
L'altro giorno sul 101 un gruppo di ragazzi (avranno avuto 12 anni) parlava di come fare soldi subito.
E mentre uno proponeva di rubare motorini, l'altro pensava ad alta voce di cominciare a vendere cocaina. Basta parlare con quelli giusti, a quanto pare.
E quando uno di loro ha obiettato che con queste cose si va in galera - anzi al malaspina (che credo sia il riformatorio) - il più grande ha detto che quella, in caso, sarebbe stata solo "un'esperienza".

Nella guerra dei poveri ognuno si arrangia come può. E fa i sogni che si può permettere.
Ma se dei ragazzi sognano di fare gli spacciatori e le ragazze si prendono a pugni per fare un reality la colpa di chi è?

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. crisi reality sogni provini giovani guerra

permalink | inviato da simonamelani il 15/3/2009 alle 23:34 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
I ragazzi italiani
post pubblicato in Politica, il 20 agosto 2008
Pessimisti, un po' bamboccioni, ma attenti alle questioni sociali e impegnati in politica.
Se non fosse perchè ormai bamboccioni ce lo dicono praticamente sempre, stenteremmo a credere che questa ricerca della Gallup commissionata dall'Ue parli di noi, giovani italiani tra i 15 e i 30 anni.
Insomma, non siamo totalmente degli idioti.
La ricerca è interessante e ci dipinge come i più impegnati in politica dell'intera Ue, con un alto tasso di iscrizione a partiti politici (11% a fronte della media europea del 5%) ma anche come i più pessimisti del Paese, più pessimisti dei nostri genitori e dei nostri nonni.
Insomma, emerge qualche elemento di novità.

Certo, a volte avere una tessera di partito in tasca a volte può creare dei problemi con la famiglia. O con i giudici. E se credevo di averli avuti io, i problemi con mamma e papà, per un'innocente tessera della Sinistra Giovanile quando avevo 16 anni, che dire di M.C.,
"pericolossimo" giovane estremista di sinistra, che proprio per il fatto di avere la tessera di Rifondazione in tasca, si è visto affidare al padre dal giudice, che ha ritenuto la madre incapace di badare alla sua educazione. Non ci credete? Leggete qui
Che ne dite???
post pubblicato in Politica, il 19 febbraio 2008
I nostri sogni cambieranno il mondo
post pubblicato in vecchie cose sparse, il 15 novembre 2007

 Stasera sono stata a Cattolica Eraclea a parlare con alcune ragazze e un paio di ragazzi - ebbene si, le donne erano in maggioranza - di giovani e Partito Democratico, ma soprattutto di come si fa a fare politica non come arte del dire ma del fare.
Abbiamo fatto un bell'incontro, soprattutto perchè ho visto occhi svegli e gente con tanta voglia di fare, fare qualcosa per la propria realtà, smettere di lamentarsi e cominciare a fare qualcosa di concreto. Una festa, un'iniziativa, concentrarsi su un problema.
A questo nuovo gruppo di Cattolica, che si rivedrà ancora, auguro buona fortuna e assicuro tutto il mio supporto. I loro sogni cambieranno Cattolica.

E a proposito di sogni che cambiano le cose...
Arriva l'ora x, il giorno x. Ci siamo impegnati, ci siamo riusciti. I comitati giovanili siciliani per il PD si riuniscono. Dove? Quando? Perchè? Date un'occhiata al mio nuovo header, (si lo so, è un po' ingombrante...)

17novembre07 - ore15
GenerazioneDemocratica
i nostri sogni cambieranno il mondo
Villagrazia di Carini (PA) - Hotel Azzolini

Parlano di me...
post pubblicato in vecchie cose sparse, il 13 novembre 2007

Un grazie a Calogero Giuffrida e al suo sito/blog di informazione Comunic@lo, che parla di me e Tonino e dell'iniziativa di giovedì a Cattolica Eraclea.
E già che ci sono faccio un po' di pubblicità anche io.

Con gli amici di Cattolica Eraclea ci vedremo

Giovedì 15 novembre alle ore 18,00
al centro sociale Falcone e Borsellino
per parlare di Giovani, impegno e Partito democratico

se volete, l'articolo lo trovate
qui

Sfoglia gennaio        maggio
calendario
cerca