Blog: http://simonamelani.ilcannocchiale.it

parole nuove

Tutti i partiti sono alla ricerca di parole nuove. Di un nuovo linguaggio, per parlare alla gente, per farsi capire.
Come se il problema fosse delle persone, degli elettori, un ammasso di cerebrolesi che capisce solo le parole pizza, cani, rumeni o romeni e poche altre.
Non ci votano perchè non ci capiscono, diceva la guzzanti nei panni di d'alema.
Il punto è che un nuovo linguaggio non si costruisce piazzando proposte ad effetto che non verranno mai realizzate. Forse qualcuno ci casca, ma è solo un modo per sviare l'attenzione, per parlarsi addosso.
Vedo molti amici del Pd esaltati per quello che la giovane segretaria di udine ha detto all'ultima assemblea. Ha detto cose che pensano tutti. Bene. Ma alle standing ovation devono seguire i fatti. Perchè a dire cose sensate siamo bravi tutti.

Se invece di sperimentare parole nuove, provassimo semplicemente a fare quello che diciamo quando siamo tutti colti da sprazzi di buon senso e lucidità, non ci sarebbe bisogno di cercare altre parole.
Perchè le parole casa, salario, opportunità, futuro, legalità, trasparenza non hanno bisogno di sinonimi mirabolanti.
Bisogna fare. Perchè a parlare siamo bravi tutti.

Pubblicato il 23/3/2009 alle 16.44 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web